CALCIO FEMMINILE – Il Milan fallisce e retrocede

CALCIO FEMMINILE – Il Milan fallisce e retrocede

Dopo un anno disastroso e la conseguente retrocessione in Serie C, lo scorso maggio abbiamo incontrato le ragazze del Milan Femminile e le avevamo lasciate con la speranza del ripescaggio in Serie A2. Il ripescaggio non c’è stato e ora le ritroviamo addirittura in Serie D. Cos’è successo nel frattempo?…

Dopo un anno disastroso e la conseguente retrocessione in Serie C, lo scorso maggio abbiamo incontrato le ragazze del Milan Femminile e le avevamo lasciate con la speranza del ripescaggio in Serie A2. Il ripescaggio non c’è stato e ora le ritroviamo addirittura in Serie D. Cos’è successo nel frattempo? Il morale dovrebbe essere a terra e invece? Non è così. Facce sorridenti e tanto entusiasmo. Sono passati sei lunghi mesi dal primo incontro tra SpazioMilan.it e il Milan femminile: sono cambiate tante cose. Il Milan ACF non esiste più, ora al suo posto troviamo il Mediolanum Milan ACF. Importante cambio della guardia anche a livello societario, ora alla guida della società rossonera troviamo una presidentessa nuova di zecca. Il campo da gioco è rimasto lo stesso, il Baggio 2 in Via Olivieri a Milano, mentre il simbolo ha subito delle modifiche: al posto di quello vecchio ora ce ne sarà uno con all’interno una fenice, proprio per rappresentare la rinascita societaria.

Dopo due anni di sacrifici per ritornare in Serie A, nella stagione del riscatto hanno totalizzato zero punti in classifica e sono retrocesse nuovamente in Serie A2. Anche in A2 hanno faticato, per poter giocare hanno dovuto unire Primavera e Prima Squadra: erano una squadra troppo giovane e inesperta, per questo motivo sono retrocesse ancora. La presidentessa era giù di morale per il repentino crollo dalla Serie A alla C. Il pensiero della società era quello di non continuare, sono state le ragazze a chiedere di giocare ancora. Per un certo periodo hanno sperato che venissero ripescate per meriti sportivi, ma non è andata bene. A quel punto non restava che rifondare la società. Ora si respira un’aria nuova, la società è partita col piede giusto. La stessa cosa successe vent’anni fa e il cambio portò l’ACF Milan a vincere tanto.

 In poco più di tre mesi hanno allestito una squadra promettente e molto giovane. Alcune giocatrici sono rimaste, altre sono appena arrivate. Rispetto alle squadre avversarie l’età media è molto bassa, hanno davvero un passo diverso. La squadra si diverte a giocare, più che una squadra sono una grande famiglia. Quest’anno la partenza non è stata delle migliori, ci sono state delle difficoltà nelle prime partite. Ma ora sono in netta crescita e nelle ultime gare sono sempre andate a punti, ora sono a metà classifica. E’ ancora troppo presto per parlare di obiettivi, ma è ovvio che la speranza è quella di raggiungere la promozione in Serie C. La squadra ha voglia di fare bene e vincere, ma la cosa più importante è che le giocatrici più giovani maturino e le più grandi facciano loro da chiocce.

La squadra è magistralmente guidata da Mister Zambetta e la figlia Annalisa. L’allenatrice conosce molto bene l’ambiente rossonero visto che ne veste i colori da vent’anni. Il Mister è una persona che è in questo settore da più di trent’anni, ha vinto tanti titoli nazionali. Ha un ottimo rapporto sia con la società che con la squadra, prova a costruire delle vere calciatrici e spesso ci riesce. La squadra lo stima e lo rispetta, un fatto fondamentale per un società che si rispetti come quella rossonera. Nelle  prossime settimane seguiremo le gesta del Mediolanum Milan ACF e la speranza è quella di riuscire a veder giocare un bel calcio. In bocca al lupo per la nuova esperienza da SpazioMilan.it.

fonte: SpazioMilan.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy