Severin, alunno della BBC: “Quando Allegri mi ha convocato per Lione mi è preso un colpo”

Severin, alunno della BBC: “Quando Allegri mi ha convocato per Lione mi è preso un colpo”

Il baby difensore francese è anche stato chiamato nell’Under 20 della Francia

TORINO – Yoan Severin è arrivato lo scorso gennaio alla Juventus, aggregandosi alla Primavera di Fabio Grosso. Quest’anno il giovane difensore (19 anni per lui) sta trovando anche spazio in prima squadra, complici anche gli infortuni che stanno martoriando il reparto difensivo bianconero. Ora per Severin è arrivata anche la convocazione della nazionale francese Under 20, e France Football lo ha voluto intervistare. Il difensore è partito proprio dalla convocazione: “Sono molto felice, è un orgoglio rappresentare il mio paese. Non mi aspettavo affatto questa chiamata. Sento che questo è l’inizio di qualcosa, ho una settimana per mostrare le mie qualità.” Severin ha poi raccontato di avere inizialmente rifiutato la Juve: “Ho iniziato la stagione con l’Evian. Non mi sentivo ancora pronto per la Juve. Poi i dirigenti torinesi hanno insistito. Nessuno mi ha costretto. Mio padre mi ha detto che avrebbe rispettato comunque la mia decisione, non mi ha spinto ad una scelta o all’altra. Ho deciso da solo. E non me ne pento.”

La chiamata di Allegri – Il giovane difensore a questo punto ha raccontato la sua esperienza bianconera, spiegando: “All’inizio mi allenavo con le squadre giovanili, poi mi sono avvicinato alla prima squadra. In questa stagione sono stato in panchina con la Juve quasi tutte le partite.” Poi poco prima della partita di Lione Chiellini ha dato forfait, ed ecco anche la chiamata in Champions, proprio in Francia contro il Lione: “Mister Grosso mi ha detto che sarei partito con la prima squadra in assenza di Chiellini. Mi è preso un colpo. Ho subito chiamato mio padre. Ho cominciato a capire solo quando ho fatto l’allenamento pre partita con loro. Il destino è stato generoso . Ho la possibilità di allenarmi con i migliori difensori al mondo. Cerco di imparare tanto. Ascolto i consigli che mi danno. Non appena faccio qualcosa che avrei potuto fare meglio, mi corregono. Quando fanno certe cose, mi rendo conto perché loro sono in Champions e io in Primavera. Tatticamente sicuramente ho imparato più velocemente che altrove.” E intanto la Juve prende un altro difensore – CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy