Sconcerti: “Quanto pesa la vittoria sul Napoli! Campionato leggero”

Sconcerti: “Quanto pesa la vittoria sul Napoli! Campionato leggero”

“Non si vedono squadre perfette, a turno tutte mostrano dei punti deboli”

Sconcerti

TORINO – Nel suo editoriale per il Corriere della Sera il giornalista Mario Sconcerti ha parlato dell’undicesima giornata della Serie A e della corsa Scudetto: “Pesa il successo sul Napoli, la Juve è a 4 punti dalla Roma, a 5 dal Milan, tanti dopo appena 11 partite. È vero che lo scorso anno la Juve aveva 12 punti di distacco, ma è vero anche che in 87 anni di campionato a girone unico quel tipo di rimonte è riuscito una sola volta. Sono in sostanza punti che contano. L’aria è quella di un campionato leggero, non si vedono squadre perfette. A turno tutte mostrano lati deboli. È toccato anche alla Roma ad Empoli senza poter dire che ha giocato male. È questo il punto di confine: nessuna grande squadra è in grado di dominare e vincere, bisogna accontentarsi di qualcosa di mezzo. La regola di quasi novant’anni dice che è difficilissimo vincere lo scudetto perdendo più di cinque partite in totale. Se questo dovesse confermarsi, solo 4 squadre sono ancora in corsa, Juve, Roma, Lazio e Fiorentina, che ne hanno perse 2. Napoli, Milan, le altre ne hanno perse di più, sono in proiezione oltre il limite. Capisco siano cose noiose queste statistiche, e non sempre possono dire solo la verità. Ma vi assicuro che sono sintomi sinceri, soglie molto probabili di analisi vecchie di quasi un secolo sul fisico del campionato. Quello che è successo molto spesso, di solito succederà ancora. Stringendo significa che a oggi l’unica vera anti Juve è la Roma. Che è però leggera e un po’ vanesia. Non dà l’idea di forza che servirebbe. Questo significa forse che in generale siamo tutti un po’ velleitari.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy