Pirlo: “Juve, è l’anno giusto. Buffon da Pallone d’Oro”

Pirlo: “Juve, è l’anno giusto. Buffon da Pallone d’Oro”

L’ex regista ha parlato della finale di Champions

TORINO – In una lunga intervista concessa al Corriere della Sera l’ex regista della Juventus Andrea Pirlo ha parlato della Juve di Allegri che due anni dopo Berlino è tornata in finale di Champions: “Sicuramente non è facile tornare in finale, ma è vero anche che la società ha rifatto sforzi incredibili per rafforzare la squadra e tornare a giocarsi la Champions: questa finale rientra nei programmi. Ho il grande rimpianto di averla persa dopo quattro anni fantastici, ma ho voglia che la vincano i miei ex compagni e la società: dopo tanti anni se la meritano. È stato un percorso di crescita in cui hanno raggiunto tutto quello che volevano: ora manca la ciliegina sulla torta”.

Andrea-Pirlo
Andrea-Pirlo

LA NUOVE JUVE

Una Juve diversa, con più di metà squadra cambiata rispetto alla finale di Berlino. Per Pirlo la vera differenza sta nella consapevolezza degli uomini di Allegri: “Questa Juve è più forte di quella di Berlino? Più consapevole lo è di sicuro: due anni fa siamo arrivati fino in fondo senza che a inizio stagione ci credessimo troppo. Questa è invece una Juve costruita per vincere. E la consapevolezza ne è una conseguenza. Da metà campo in su la squadra è completamente cambiata e tutti hanno portato qualcosa di diverso, da Alves a Dybala, da Pjanic al lavoro di Mandzukic. Senza contare Higuain. La Juve è una grande squadra”.

ALLEGRI E ZIDANE

Nonostante qualche problema durante la sua avventura al Milan, Pirlo riconosce i meriti di Massimiliano Allegri in questa cavalcata bianconera e parla anche di Zinedine Zidane: “Allegri ha fatto un grande lavoro. Non era facile arrivare dopo Conte e lui è stato bravo a entrare piano piano nella squadra e nella società. Giocare e allenare sono due cose completamente diverse. E Zidaneda allenatore ha affrontato solo il Napoli. Certo, conosce bene il nostro calcio e di questa Juve sa tutto nei minimi dettagli, pregi e difetti”.

Andrea-Pirlo
Andrea-Pirlo

LA FINALE DI CARDIFF

Non c’è un favorito per la finale di Cardiff secondo Andrea Pirlo, che elogia la difesa della Juve e lancia la candidatura di Buffon per il Pallone d’Oro: “Si parte alla pari: uno non è favorito per quello che ha fatto negli anni precedenti. Non credo ci siano tante differenze tra il Real e la Juve: i bianconeri hanno una squadra completa, equilibrata, solida ma allo stesso tempo di qualità. Solo la vittoria cambia davvero le cose: se la Juve non vince sabato si continuerà a dire come sempre che vince il campionato e non in Europa. Adesso serve alzare la coppa. È riduttivo parlare di una sfida tra l’attacco del Real e la difesa della Juve, ma la Juve sicuramente si difende meglio del Real, perché lo fa con tutta la squadra, non solo coi difensori. Il Real invece lascia più liberi i suoi attaccanti di esprimere le loro grandi potenzialità”.

“La stagione di Buffon? Sono felicissimo per lui e per il fatto che abbia ancora una volta la possibilità di raggiungere l’obiettivo che insegue da sempre. Sarei contentissimo se vincesse questa coppa, perché ha dimostrato di essere ancora uno dei migliori. Credo che questa volta credo sia l’anno giusto per vincere il Pallone d’oro. Dybala e Pjanic hanno grande eleganza e tecnica. È bello vederli giocare. La Champions per Dybala, più che la consacrazione, sarebbe l’inizio di una grande carriera”

Juvenews.eu

8

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy