Le voci, Sconcerti: “Sta tornando la Fiat, la Juve c’è sempre stata. Cancellata Calciopoli”

Le voci, Sconcerti: “Sta tornando la Fiat, la Juve c’è sempre stata. Cancellata Calciopoli”

“Non so se i bianconeri prenderanno Higuain, ma il solo fatto che ci sia un budget così importante fa capire tante cose”

SCONCERTI

TORINO – Nel suo editoriale per il Corriere della Sera Mario Sconcerti ha parlato del mercato della Juventus e del possibile arrivo di Gonzalo Higuain: “Non so se la Juve prenderà alla fine Higuain, è una questione delicata, appartiene anche al popolo, ma il fatto stesso che sia stato determinato un budget così forte dimostra l’antica differenza di una squadra che appartiene alla più grande azienda italiana. Questo mercato racconta il ritorno della Fiat come potenza egemone del calcio. La Juve appartiene per due terzi alla Exor, la cassaforte finanziaria del mondo Fiat. Per decidere questo tipo di investimenti c’è bisogno di un accordo tra partner (….) La novità è il ritorno della Juve a un’eccellenza manageriale e l’idea conseguente che su questa base si debba andare in cerca di nuovi guadagni. Come? Investendo sul grande calcio d’Europa. L’Italia è una tappa, non il traguardo. Vincendo in Italia si prende rispetto ma non soldi. Il tesoro è oltre. (….) È la Fiat che sta tornando, non la Juve. La Juve c’è sempre stata, ma ha avuto bisogno della Fiat per rimanere a livello dell’acqua. Calciopoli ha significato un costo di quasi un miliardo per la Juve, tra giocatori e occasioni perse, più il tempo di smaltirle. Se guardiamo appena oltre il mercato, ci accorgiamo che questo ritorno di ampiezza significa che dopo dieci anni Calciopoli è davvero finita (…..)”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy