Il protagonista, Higuain: “La Juve il meglio che potesse capitarmi”

Il protagonista, Higuain: “La Juve il meglio che potesse capitarmi”

Il Pipita ha anche parlato del perché ha lasciato Napoli e dei suoi prossimi compagni

TORINO – Dopo la conferenza stampa di ieri Gonzalo Higuain ha rilasciato un’intervista a Tuttosport dove ha parlato della sua prima giornata in bianconero: “Perché la Juve? Perché è un grande club, il top. Grande società, che pensa solo a vincere. Mi ha colpito il progetto. Il Triplete? Difficile, ma l’obiettivo è questo. Provare a conquistare tutto. Ed è proprio questo che mi piace della Juventus, la voglia di non fermarsi mai. Le prime ore qui sono state fantastiche. Non poteva andare meglio, ma già immaginavo che sarebbe stato così. Adesso devo solo pensare ad allenarmi bene per farmi trovare pronto, assieme ai miei compagni, per la prima di campionato. Messi rimpiange Dani Alves? Dani è un grande campione ma la forza della Juve è il gruppo. Di chi scende in campo e di chi va in panchina per poi entrare”.

COMPAGNI – “Mario sa bene che per vincere c’è bisogno di tutti. La concorrenza fa bene. Quando stavo a Madrid c’erano Raul e Van Nistelrooy. Il tweet di Bonucci? Lo ringrazio per il gesto di stima. La difesa della Juve è una delle più forti al mondo e non la scopro certo io. Anche per me è meglio allenarmi con loro piuttsto che averli come avversari. Le parole di Totti? È un grande giocatore ed io ho fatto le mie scelte. Di più non dico”.

RECORD – “Ancora non me ne sono reso conto di tutto questo. Ringrazio il presidente Andrea Agnelli, Marotta e Paratici per aver fatto il grandissimo sacrificio. Da parte mia farò di tutto per ripagare la fiducia. Per me è una gioia immensa essere qui, non mi sembra vero. Tocca a me, ora, dimostrare che i dirigenti bianconeri hanno speso bene i soldi. Dopo tre anni di Napoli ho capito che era arrivato il momento di cambiare e puntare ad altri obiettivi. Andarmene è stata una mia scelta ma mi ha spinto De Laurentiis a farla. Ringrazio i tifosi e i compagni, il presidente no: non avevo più un rapporto con lui, non volevo stare più neanche un minuto con lui”. E intanto Pogba tradisce la Juve: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy