Esultanza, Evra imita Moriero e lustra la scarpa a Chiellini dopo il suo gol

Esultanza, Evra imita Moriero e lustra la scarpa a Chiellini dopo il suo gol

Il francese festeggia la rete del compagno di squadra come l’ex centrocampista dell’Inter faceva con Recoba

 

TORINO – La Juventus ha chiuso la sua straordinaria stagione con una vittoria schiacciante ai danni della Sampdoria. Uno dei protagonisti assoluti della partita è stato Giorgio Chiellini, tornato in campo da titolare dopo più di un mese. Il difensore bianconero si è reso protagonista di una grande prestazione, impreziosita da un gol straordinario nel secondo tempo. Sullo sviluppo di un calcio d’angolo il portiere sella Sampdoria, Alberto Brignoli, ha respinto la palla sui piedi del numero tre della Juventus. Dopo un rimbalzo Chiellini ha calciato in porta e il pallone, passato vicinissimo all’incrocio dei pali, è finito in rete. Gol stupendo che ha fatto esplodere lo Juventus Stadium. Sono rimasti increduli anche il tecnico Massimiliano Allegri e Gigi Buffon, che si è complimentato con il suo compagno. Dopo la rete il terzino francese Evra, anche lui andato a segno contro la squadra di Montella, ha regalato spettacolo festeggiando il gol con un gesto particolare:

 

13235916_10207405441186584_1562847965_n

Il transalpino si è inginocchiato e ha omaggiato il suo compagno lustrando la sua scarpa. Esultanza non nuova in Serie A. Impossibile infatti non ricordare Francesco Moriero e Alvaro Recoba quando giocavano insieme nell’Inter. Era il 31 Ottobre 1997, a San Siro andava in scena Inter-Brescia. I nerazzurri stavano perdendo, quando Simoni decise di far entrare in campo l’uruguaiano che in 5 minuti ribaltò il risultato con una doppietta, regalando la vittoria all’Inter. Recentemente l’ex centrocampista ha ricordato quel momento: “Era la seconda giornata di campionato e perdevamo a San Siro contro il Brescia. Gigi Simoni decise di far entrare il Chino al posto di Ganz. Dopo qualche minuto, quel giovane uruguaiano ci mostrò cosa sapeva fare, segnando un gol da antologia con una precisa punizione da 30 metri che bucò Cervone che già era alto e potente di suo. Mentre quella palla spegneva la sua corsa in fondo alla rete a me venne in mente di lustrargli la scarpa, un gesto nato per scherzo ma che diventò un rituale di quegli anni all’Inter”.

f12fcd30-9533-11e4-a9cb-37b1634f7ca3_moriero-recoba

Nel frattempo le nuove maglie della Juve fanno discutere i tifosi bianconeri: CONTINUA A LEGGERE

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy