ESCLUSIVA CRISTIAN ZENONI: “Bologna-Juve? I bianconeri sono sicuramente avvantaggiati”

ESCLUSIVA CRISTIAN ZENONI: “Bologna-Juve? I bianconeri sono sicuramente avvantaggiati”

Il doppio ex della sfida tra Bologna e Juventus ci ha rilasciato un’esclusiva intervista nella quale abbiamo parlato della sfida di Sabato 

di redazionejuvenews

di Marco Guido

Cristian Zenoni, doppio ex della sfida, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, che Sabato verrà giocata allo stadio Dall’Ara di Bologna tra i padroni di casa rossoblù

e la Juventus ci ha rilasciato un’esclusiva intervista. Ecco cosa ci ha raccontato:

Come sta andando la tua stagione sulla panchina della Berretti del Monza? “Stiamo andando discretamente, abbiamo appena finito il girone d’andata a Dicembre e riprendiamo Sabato quello di ritorno sperando di migliorarci sia sotto il punto di vista del gioco che della classifica. Siamo comunque sulla buona strada, stiamo lavorando bene”.

La mano della nuova proprietà targata Berlusconi l’avete sentite o sostanzialmente per il settore giovanile è cambiato poco? “A noi come settore giovanile è cambiato poco perché loro che si sono insidiati operativamente poco tempo fa, si sono per lo più concentrati giustamente sulla prima squadra dove ci sono obiettivi ambiziosi da raggiungere. Credo che quest’anno concentreranno il loro lavoro sulla prima squadra, poi dalla prossima stagione inizieranno a lavorare anche sul settore giovanile”.

Sabato si gioca Bologna-Juventus, gara valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Credi che la tua ex squadra possa fare lo sgambetto alla Juve? “Sicuramente sarà dura per il Bologna per le due rose poi nel calcio mai dire mai. La Juve è sicuramente avvantaggiata. Il Bologna ha fatto qualche acquisto ad inizio mese ma non sarà facile giocare contro la squadra di Allegri che è molto ben collaudata e che vorrà vincere anche la Coppa Italia che è l’obiettivo meno importante della stagione”.

Sei rimasto sorpreso dalla decisione della società rossoblù di confermare Inzaghi nonostante le difficoltà attraversate dalla sua squadra? “No perché credo che il Bologna ha una rosa costruita per raggiungere una salvezza tranquilla poi qualche difficoltà l’ha avuta. Nel complesso ci si poteva attendere un percorso come quello vissuto dai rossoblu. Inzaghi, a parte una breve esperienza al Milan, è alla prima panchina in Serie A in un contesto come Bologna dove bisogna lottare per la salvezza non è facile. Credo che gli si debba dare l’opportunità di sfruttare i nuovi arrivi, chiaro che le prime partite saranno fondamentali per il suo futuro”.

 Che ricordi hai dei due anni vissuti sotto le due torri? “Mi sono trovato bene perché si sta benissimo in città anche se non sono state due stagioni esaltanti visto che in entrambe le occasioni abbiamo vissuto un campionato appena sopra la zona salvezza però abbiamo sempre centrato l’obiettivo di mantenere la massima categoria. Bologna è una piazza dove, quando non vai bene c’è pessimismo invece quando arrivano i risultato, l’entusiasmo è travolgente”.

Sei rimasto in contatto con qualcuno del mondo rossoblù? Se si, con chi? “L’unico con cui sono rimasto in contatto è Guana con cui avevo condiviso l’esperienza in Emilia e con cui parlo ogni tanto di quelle stagioni”.

La Juve sembra sul punto di ingaggiare Ramsey, cosa pensi del centrocampista gallese? “Penso che sia senza dubbio un ottimo giocatore ma non credo che possa fare la differenza alla Juventus, nel senso che a centrocampo ci siano già altri campioni, non sposta gli equilibri come ad esempio ha fatto l’acquisto di Cristiano Ronaldo quest’estate. Sicuramente va a migliorare ulteriormente una rosa già fortissima”.

In quello che era il tuo ruolo, De Sciglio sta trovando continuità anche a causa dell’indisponibilità di Cancelo. Cosa pensi dell’ex rossonero? “Ha avuto qualche difficoltà al Milan dove però c’era un contesto diverso visto che alla Juve ha innanzitutto trovato un allenatore che lo ha fortemente voluto e che lo aveva già allenato a Milano. L’assenza di Cancelo gli ha dato la possibilità di inserirsi in un telaio già ottimamente collaudato”.

La Juventus giocherà mercoledì la finale di Supercoppa Italiana contro il Milan, che partita ti aspetti di vedere? “Vedo chiaramente favorita la Juve anche perché il Milan non è in un periodo particolarmente brillante anche se la partita verrà giocata dopo un periodo di riposo che potrebbe incidere sull’andamento della gara. I valori però vedono in vantaggio i bianconeri”.

Progetti per il futuro? Speri di arrivare ad allenare i “grandi”? “Sinceramente ne stiamo parlando in questo giorni perché mi piacerebbe rimanere ma anche provare un’esperienza coi “grandi”. Dipenderà anche dalla nuova società che ha nuove aspettative anche per il settore giovanile e quindi vedremo cosa decideremo insieme alla società nei prossimi mesi”.

Ringraziamo naturalmente Cristian Zenoni per la cortese disponibilità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy