De Biasi sul pareggio: “Punto guadagnato, si è rischiato di perdere”

De Biasi sul pareggio: “Punto guadagnato, si è rischiato di perdere”

Il c.t. dell’Albania ha commentato la sfida di Champions tra Juve e Lione

TORINO – Gianni De Biasi sta con Allegri: il pareggio va bene. Soprattutto, però, per come si è messa la partita. Alla Radiotelevisione Svizzera Italiana De Biasi ha spiegato: “Pensavo che stasera potesse gestire la partita, e invece la vittoria gli è sfuggita di mano. Credo che il maggior errore commesso dalla Juve sia stato quello di pensare di aver chiuso la partita, infatti il pareggio è frutto di una disattenzione. La Juventus può essere soddisfatta di aver portato a casa un punto perché stasera ha rischiato di uscire dallo Stadium con una sconfitta. Quando si è abituati a vincere facilmente in campionato, fai fatica in Europa. Memore della vittoria di 15 giorni fa con il Lione, la Juventus pensava ad un impegno più semplice dal punto di vista della conduzione della gara. Si è rivelata molto più difficile dell’andata e secondo me non era pronta ad affrontare una partita di sacrificio. Se si nota, ad inizio secondo tempo, si sente la voce di Allegri che dice “Non buttarla, non forzare!” per sfruttare il possesso palla e gli spazi che loro concedevano. Pjanic? Lui dovrebbe essere il suggeritore per gli attacchi nella trequarti. Questo lavoro lo possono fare Bonucci e Marchisio, ma non è quello che si chiede ad un trequartista, cioè colui che dà passaggi filtranti agli attaccanti o che si crea occasioni per tirare dal limite. Questa sera queste cose Pjanic non le ha fatte, lo ha fatto in età più acerba quando era a Lione. Oggi è perlopiù una mezzala nel 4-3-3 o nel 3-5-2. È una buona mezzala se gioca sul centrosinistra perché può accentrarsi e calciare col suo piede. Deve ancora ambientarsi evidentemente al ruolo, ma le qualità tecniche non si discutono”. E intanto divertente epic fail per il bianconero – CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy