Claudia, fidanzata di Hamza: “Responsabile di fatti gravi, ma è stato infangato”

Claudia, fidanzata di Hamza: “Responsabile di fatti gravi, ma è stato infangato”

Parla Claudia, la fidanzata del marocchino Hamza che, insieme ai suoi amici, è detenuto per i fatti di Piazza San Carlo

di redazionejuvenews

Ai microfoni del Corriere di Torino ha parlato Claudia G., 21 anni, fidanzata di Hamza Belghazi, il ventenne marocchino di nascita ma con passaporto italiano che con altri cinque ragazzi, dallo scorso aprile è detenuto alle Vallette con l’accusa di aver partecipato alla rapina con lo spray al peperoncino che scatenò il panico in piazza San Carlo, la notte del 3 giugno 2017.”Mi dispiace, per quello che è successo. Una tragedia, di cui loro non si resero conto. Ma sono state scritte anche cose ingiuste. Sono stati pubblicati estratti di una lettera di Hamza, nella quale diceva che sarebbero tornati più forti di prima, collegando queste parole a nuove rapine. Nulla di tutto ciò: era solo un modo di dire, di farsi coraggio, in un momento difficile. Faceva riferimento alla vita. Sono responsabili di fatti molto gravi e infatti dovranno pagare per quel che hanno fatto, e lo faranno”.

 


Sulla sua relazione col marocchino dice: “Se siamo ancora fidanzati? Sì e non ho mai pensato di lasciarlo. E comunque, se ci avessi pensato, non l’avrei fatto certo in un momento così. Sono andata in carcere a trovare Belghazi più volte. È sconvolto e pentito, con un dispiacere immenso per tutto quello che è capitato. Ripeto, non è giusta l’immagine che è stata data di loro: li hanno infangati. Ci sarebbe un motivo? Perché così, forse saranno gli unici a pagare per quel che è successo, dimenticando le persone importanti: la sindaca e tutta la questione della sicurezza in piazza”.Intanto le voci di mercato parlano di un addio di Dybala ma Paratici ha già pensato al possibile sostituto…>>>CONTINUA A LEGGERE

 

Finale piazza San Carlo
Finale piazza San Carlo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy