Capello: “Ibra alla Juve era umile e orgoglioso. Nazionale? Non ci voglio lavorare”

Capello: “Ibra alla Juve era umile e orgoglioso. Nazionale? Non ci voglio lavorare”

Il tecnico italiano ha parlato del suo periodo bianconero

TORINO – Fabio Capello è intervenuto a Premium Sport raccontando qualche aneddoto su Ibra e il suo periodo juventino: “Ibra lo vidi per la prima volta quando allenavo la Roma e vidi che aveva grande tecnica. Quando andai alla Juventus chiesi di acquistarloperché ritenevo che un giocatore con la sua prestanza fisica e le sue qualità tecniche non l’avevo mai visto. Dopo un mese di Juve capì che non calciava benissimo e che non era fortissimo di testa. Lui è un ragazzo molto orgoglioso e lavorò tutti i giorni per migliorarsi. Un’altra cosa che non aveva nel dna era il gol, lui si divertiva di più a fare assist, ma mi seguì sul mio consiglio di essere più cattivo sotto porta e diventò anche un goleador: è umile e orgogliosoperché a lui piace essere il numero uno. Se gli ho fatto vedere dei video di van Basten? E’ verissimo, dopo due mesi che era alla Juve gli dissi che tecnicamente aveva le qualità di van Basten e gli fece vedere i movimenti in area e alcuni gol dell’olandese: lui capì cosa doveva fare e i risultati penso si siano visti. Se lo volevo già ai tempi della Roma? Sì, lo volevamo ma in quel periodo in avanti eravamo coperti, avevamo Batistuta, Totti, Montella, Delvecchio e Cassano e non lo acquistammo. Come si gestiscono giocatori dalla grande personalità come Ibra? Si gestiscono facendogli capire che certe cose vanno fatte per raggiungere determinati risultati e vanno fatte per la squadra. Lui è sempre stato un giocherellone che si divertiva a fare giocate fine a sé stesse. “. Poi il tecnico italiano ha parlato pure di un possibile approdo in nazionale: “Se mi chiamasse la Nazionale accetterei? Ho avuto dei contatti ma ho detto di no perché non mi sento di lavorare con la nazionale italiana. Faccio gli auguri al nuovo ct che sta facendo qualcosa di diverso. E’ una nazionale piena di giovani, contro il Lichtenstein tutti pensano che sia una gara agevole ma io credo che a livello delle Nazionali non ci siano gare facili. Se convocherei Balotelli? E’ un problema che non mi pongo e passo la palla a Ventura”. E intanto è polemica tra Juve e nazionale – CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy