Bucchioni: “la Juventus e Allegri non si amano più, ma stanno cercando un modo per rimettere assieme i cocci”

Bucchioni: “la Juventus e Allegri non si amano più, ma stanno cercando un modo per rimettere assieme i cocci”

Bucchioni parla del futuro di Allegri a Torino

di redazionejuvenews

Nel suo editoriale per Tuttomercatoweb Enzo Bucchioni parla della permanenza di Massimiliano Allegri in bianconero.


Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.  

“Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta o se ne va?Difficile e complesso fare delle previsioni, a naso verrebbe da pensare che se non si è trovata un’intesa dopo una confronto così lungo, le difficoltà siano tante. Troppe. I dubbi e le perplessità da entrambe le parti persistono.Comunque vada questa vicenda non è esaltante per una grande società come la Juventus che dovrebbe avere sempre idee chiare e obiettivi precisi, e lascia pure forti dubbi sul come è stata gestita. Non ricordo che altri rinnovi di contratto di allenatori importanti siano diventati una sorta di telenovela come questa, con i riflettori accesi da giorni.Da fuori c’è la sensazione che, come nei matrimoni che stanno finendo, la Juventus e Allegri non si amano più, ma si vogliono bene e stanno cercando un modo per rimettere assieme i cocci, una strada per andare avanti evitando separazioni traumatiche che probabilmente metterebbero tutti in difficoltà. E i matrimoni che proseguono per interesse o per mancanza di alternative, ma senza la passione necessaria, prima o poi sono destinati al fallimento. Come si vede una brutta storia che dalla Juventus non ci saremmo mai aspettati. E’ evidente che Agnelli abbia delle perplessità sul suo allenatore, si sta guardando attorno da mesi, sta valutando i pro e i contro, altrimenti lo avrebbe già accontentato come era successo nei precedenti rinnovo di contratto. E’ altrettanto chiaro che Allegri abbia delle perplessità sui programmi della Juventus, abbia paura di bruciarsi a rimanere e si stia guardando attorno. Sia la Juventus che Allegri sanno che dopo cinque anni sarebbe meglio lasciarsi per trovare nuovi stimoli, nuove motivazioni, provare nuove esperienze, ma stanno ancora parlando per affetto. E l’affetto funziona poco, serve l’amore. La Juventus ha i numeri di rendimento, ha di sicuro valutato attentamente la situazione e si è accorta che, al di là della dolorosa eliminazione in Champions, questa per Allegri è una stagione deludente. Non è mai sembrato padrone del gruppo come nelle stagioni passate, troppi giocatori hanno reso meno delle aspettative (Dybala, Cancelo, Mandzukic, ma anche altri), per alcuni (Dybala in particolare) non ha mai trovato la giusta collocazione. Non è un caso che da mesi rumors di vario genere portino la Juve lontana da Allegri. Non ho mai creduto a Guardiola anche se probabilmente qualche intermediario è stato contattato. L’idea vera era Zidane e qui siamo al perché di queste difficoltà: il ritorno al Real ha spiazzato Agnelli. Da li in poi non ha più trovato un nome così adatto, così vincente, così juventino, così amato dai tifosi. Su tutti gli altri presi in esame, anche l’ultimo, Pochettino, sono insorte difficoltà e perplessità. E allora eccoci qui a turarsi il naso e riprovarci con Allegri. L’allenatore tutto questo la sa e proprio per non rimanere con il cerino in mano, vuole rimanere, ma alle sue condizioni. Tre anni di un lauto contratto (dieci milioni) e una rosa rinnovata con giocatori pieni di quelle motivazioni e di quella fame che questo gruppo ha un po’ perso. Allegri non vuole più Dybala, non vuole Cancelo, ha perplessità su altri giocatori e chiede forti investimenti in difesa e a centrocampo. Un piano di lavoro che comporta esborsi notevoli che potrebbero far saltare il budget a disposizione. Anche per questo Agnelli che deve mantenere il bilancio entro i limiti fissati dalla famiglia Elkann, sta cercando di convincere Allegri ad abbassare le pretese.Le alternative? Pochettino ha sparato grosso, la nazionale francese non vuole liberare Deschamps, Inzaghi che piaceva non ha l’esperienza necessaria, Agnelli un mese fa ha detto no anche al possibile ritorno di Conte. E adesso?”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy