Trombetta, collaboratore di Allegri: “Felice alla Juve dove posso vincere insieme a Max”

Trombetta, collaboratore di Allegri: “Felice alla Juve dove posso vincere insieme a Max”

Il collaboratore di Massimiliano Allegri, Maurizio Trombetta, è intervenuto a Telefriuli parlando naturalmente del momento bianconero

di redazionejuvenews

Il collaboratore di mister Allegri, Maurizio Trombetta, è intervento a Telefriuli raccontando la sua esperienza alla Juventus: “Questo è il mio quinto anno alla Juve: quando è arrivato Allegri ho cominciato a lavorare con lui come collaboratore tecnico e ho raccolto tante soddisfazioni. E’ una società fenomenale, ma lo è dal presidente, quindi è familiare ma organizzatissima: questa è la cosa piacevolissima, che ti fanno sentire in famiglia. E poi hai strutture, organizzazione e materiale umano per lavorare al meglio. Con Allegri ci conoscevamo dai tempi in cui ero collaboratore tecnico di Galeone al Perugia, lui era giocatore. Ci siamo ritrovati in questa occasione, con idee simili quindi con la facilità di collaborazione”.

Trombetta ha poi parlato del fenomeno portoghese sbarcato in bianconero quest’estate e del suo momento no in fase realizzativa: “E’ un momento di sfortuna, è arrivato in una società nuova, in un nuovo campionato. Sarà questione di momenti. Non c’è alcuna preoccupazione. Invece per quanto riguarda Cristiano Ronaldo nell’aspetto meno di campo, posso dire che è un ragazzo sorprendentemente semplice, per quello che è il personaggio. Pur avendo vinto 5 palloni d’oro si è subito messo a disposizione disponibile e volenteroso come tutti i campioni che ci sono alla Juve. Il piacere di collaborare ai massimi livelli, con il massimo delle strutture e dei giocatori di qualità è sicuramente una grande soddisfazione, un grande impegno, una grande responsabilità e me la godo, impegnandomi molto”.

Il collaboratore tecnico ha poi concluso l’intervento parlando del suo futuro e del rapporto con Allegri: “Direi di sì. Mi trovo bene nel ruolo che sto svolgendo; mi trovo bene con tutti quelli che fanno parte dello staff; credo che l’allenatore si trovi bene anche con me, oltre che con tutto lo staff tecnico. Siamo in tanti: fino a che continuiamo a rimanere alla Juve siamo felici perchè possiamo raggiungere risultati. Io sono arrivato a lavorare con Max quando lui già allenava da sette o otto anni. Naturalmente è importante anche la fiducia che il tecnico riesce a dare ai collaboratori che devono essere funzionali al progetto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy