Marotta: “Dybala è blindato, non è nel nostro Dna cedere giocatori come lui”

Marotta: “Dybala è blindato, non è nel nostro Dna cedere giocatori come lui”

L’amministratore delegato bianconero ha parlato prima del match contro il Lione

TORINO – Beppe Marotta è intervenuto a Premium Sport pochi minuti prima del fischio d’inizio di Lione-Juventus. Ecco le sue parole: “Su Dybala abbiamo visto bene, abbiamo anticipato altre squadre italiane come Inter e Milan. E’ normale che i grandi club lo vogliono, ma non è nel nostro DNA vendere certi giocatori. Ha un contratto molto lungo, lo abbiamo preso l’anno scorso, quindi direi che è blindato. Bisogna riconoscere i meriti del ragazzo e la crescita avuta, anche economicamente. Questo soprattutto per l’armonia dello spogliatoio che è fondamentale.” Su Marchisio e le scelte di Allegri: “Claudio sta terminando un ciclo di riabilitazione e deve ritrovare il passo. Domani faremo un amichevole soprattutto per lui, dal punto di vista clinico è ok. Ora deve tornare protagonista con la Juve. Le scelte di Allegri mi sembrano logiche, e poi lui può valutare meglio di tutti oggi ma come sempre.” Sul momento della Juve: “La logica è sempre quella che una squadra più organizzata sa vincere più facilmente. Abbiamo dovuto cambiare quasi sempre formazione causa infortuni o nazionali, non c’è ancora un’identità precisa. Abbiamo cambiato tanti giocatori negli ultimi due anni, e ora Allegri dovrà lavorare sulla squadra. L’obiettivo è vincere, se vinciamo senza giocare bene per ora va bene lo stesso. Ovvio che se si gioca bene è più facile.” E intanto Pogba saluta lo United – CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy