Supercoppa italiana: trionfa la Lazio negli ultimi secondi, Allegri sei colpevole

Supercoppa italiana: trionfa la Lazio negli ultimi secondi, Allegri sei colpevole

All’Olimpico in scena il match valevole per la Supercoppa italiana: la Lazio trionfa negli ultimi secondi, ma Allegri ha le sue colpe

1 Commento
immobile-supercoppa-juventus-lazio

ROMA- Finisce il calcio estivo, addio sperimentazioni, tourneè estive, States e voli intercontinentali: la nuova stagione è iniziata. Juventus e Lazio hanno l’onore di inaugurare con la prima gara ufficiale, con la Supercoppa italiana in palio. E la Juventus sembra aver dimenticato quasi dimenticato come si vince, questa Supercoppa.

Primo tempo-La Juventus inizia subito forte, fortissima: la rabbia di Cardiff evocata da Allegri sembra personificata: Strakosha è chiamato subito agli straordinari su Cuadrado, che da pochi passi dimostra di non essere un bomber d’area sparando sul portiere albanese. In serie, la Juventus lo mette alla prova altre tre volte in 5 minuti infuocati: Strakosha i guantoni li ha caldi. Alex Sandro e Mandzukic stringono Basta in una morsa, che all’inizio sembra poter dare continuità all’assalto bianconero. Col passare dei minuti il caldo si fa sentire, la Lazio reclama un rigore su fallo di mano di Benatia (tocca prima la testa), ma non riesce a produrre qualcosa di concreto, pur controllando spesso il gioco, tranne un tiraccio alto di Luis Alberto nei primi minuti. Al 30′ l’affondo biancoceleste: Khedira perde un pallone sanguinoso, lancio di Milinkovic per Immobile che si trova a tu per tu con Buffon: il portiere bianconero lo stende, rigore e giallo. Dal dischetto al 31′ Immobile non sbaglia, e porta la Lazio in vantaggio. La Juventus rischia grosso: Milinkovic di tacco serve l’accorrente Basta che spara su Buffon, sulla ribattuta dalla distanza Leiva chiama l’estremo difensore bianconero al colpo di reni. La Juventus accusa il colpo, non riesce a reagire, Allegri in panchina osserva impietrito le occasioni per ripartire che la sua squadra offre alla Lazio, fino allo scadere dei primi 45′.

Secondo tempo-Nella ripresa la Juventus prova a ricomporre il puzzle: prima Higuain sbaglia un appoggio facile in area, poi Cuadrado sparacchia su Radu. Nel complesso le fonti di gioco sembrano inaridite: Pjanic riceve palla sempre spalle alla porta, vicino alla sua retroguardia, con l’armadio Milinkovic in selvaggia pressione, Khedira è spesso schermato da Luis Alberto. Mandzukic è nervoso e incocludente (prende pure un giallo evitabile), Dybala sparisce dai  radar. Appena la Juventus abbassa i ritmi, Immobile raddoppia: di testa trafigge Buffon, e corre sotto la Curva dei tifosi biancocelesti. Allegri capisce (tardi, tardissimo) le sue colpe: questa Juventus non ha le gambe e la forza per giocare senza i 3 a centrocampo, ma è troppo tardi. Oramai può solo mettere toppe, e non cambia modulo: Douglas Costa e De Sciglio entrano, fuori Benatia (bocciato) e Cuadrado, irritante stile Cardiff. Dopo il secondo gol della Lazio sembra solo una lenta, ennesima agonia di Supercoppa. Higuain, imbolsito, fallisce un tap-in da pochi metri, senza neppure toccarla, fotografia perfetta della sua partita. E di quella della Juventus: che ha ancora troppa estate addosso, troppi errori di Allegri, e qualche provocazione in formazione eccessiva (come Barzagli terzino, sanguinoso messaggio alla dirigenza).  Poi Dybala, da 10 vero, si prende sulle spalle la squadra, fa sua la partita. Prima inventa una punizione raffinata, che trafigge Strakosha, poi di personalità, al 91′ segna il rigore decisivo che regala alla Juve un pareggio insperato.  Un lampo, poi il buio: Lukaku va sul fondo, il ’96 Murgia regala ad Inzaghi il primo trofeo da allenatore. E ad Allegri, il vero colpevole, e ai tifosi bianconeri resta solo altra rabbia, dopo quella di Cardiff.

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. venturini.gianluc_454 - 4 mesi fa

    L’articolo non fa una piega!
    Pianic irritante, di sciglio penoso e CRIBBIO se Allegri non non arriva a capire che senza i “centrocampisti” Pjanic e Khedira al 100% non si può fare a meno di Marchisio (per me anche con i suddetti in forma deve giocare!) cosa possiamo dire? Gli danno 10 milioni per cosa?
    Costretto poi a mettere Terzino Barzagli mentre inseguono una altra mezzapunta proprio da chi ci ha battuti mentre servono un centrale difensivo, un centrocampista ed un terzino destro ma di spessore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy