Sconcerti: “Dybala ora viene fischiato. Un mese fa era Sivori”

Sconcerti: “Dybala ora viene fischiato. Un mese fa era Sivori”

Il giornalista ha parlato a Il Corriere della Sera

SCONCERTI

TORINO – Attraverso le colonne del Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha analizzato la prestazione della Juventus contro il Benevento, concentrandosi in particolare su Paulo Dybala: “Il Napoli perde altri due punti. Juve e Roma ne recuperano 4 in 4 partite, la Lazio lo farà. Il Napoli ora è più lento. Non puoi andare inutilmente a cento all’ora in Champions e non avere contraccolpi. E’ come perdere l’illusione di essere immortale, si comincia a aver paura di morire un’ora dopo. Non va meglio la Juve che ha però gli episodi dalla sua. In senso tecnico è una delle sorprese del campionato, è come fosse incapace di giocare come sa. L’andamento degli avversari le toglie respiro, quello che fai non basta mai. Allegri parla sempre di lunghe pause durante la partita. Così tante volte da far pensare a un limite strutturale. Trovo un classico dell’epoca social quello che sta accadendo a Dybala. Ora è fischiato, un mese fa era Sivori, forse Messi, forse un ricordo di Maradona”.

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy