Romulo: “Alla Juve ero a pezzi fisicamente, piangevo ogni giorno”

Romulo: “Alla Juve ero a pezzi fisicamente, piangevo ogni giorno”

L’ex centrocampista bianconero ha parlato dei suoi problemi fisici

Romulo, juventus, verona, ritorno

TORINO – L’occasione di una vita sprecata per colpa di infortuni e sfortuna: Romulo, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport raccontando la sua esperienza bianconera e il  calvario per i problemi fisici: «Cominciavo un allenamento e provavo un dolore continuo agli adduttori. In quel modo non potevo andare avanti. Mi fermo, riprendo. Debutto in Champions League con il Malmö. Mi fermo di nuovo. Ero a pezzi. Tornavo a casa e piangevo ogni giorno. La diagnosi parlava di pubalgia: Allegri aveva fiducia in me, diceva che non mi mancava nulla per essere un titolare. Ma al primo scatto mi bloccavo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy