La rovesciata del Pipita: quel tatuaggio è ancora una condanna e una ferita apertissima…

La rovesciata del Pipita: quel tatuaggio è ancora una condanna e una ferita apertissima…

La Syneron Candela Italia, un’azienda di tatuaggi di Formello, si offrì di cancellare quel tatuaggio ormai scomodo e anacronistico. Sono trascorsi tre mesi da allora, ne serviranno altri cinque…

TORINO – E’ semplice buttare le maglietta con la 9 di Higuain. E’ semplice cestinare le statuette con la sua faccia ritrattata, semplicissimo eliminare la ‘Pizza Higuain’ dal menù, ancor più semplice far sparire ogni traccia dalla propria casa del Pepita. Difficile è chiamare il proprio figlio Gonzalo e non pensarci, cancellare un tatuaggio marchiato sulla pelle che ritrae le gesta dell’argentino. Difficilissimo è cancellare dal proprio cuore Gonzalo Higuain. Per molti tifosi il trasferimento dell’argentino tra le fila della rivale storica fu un oltraggio da tramandare a futura memoria. Un’onta da lavare con quella che gli antichi definivano la ‘damnatio memoriae’, ovvero la cancellazione di ogni riferimento storico, di ogni traccia del nemico sconfitto.

Schermata 2016-10-29 alle 15.49.45Schermata 2016-10-29 alle 15.48.27

Schermata 2016-10-29 alle 15.53.48Schermata 2016-10-29 alle 15.53.32

E così molti dei napoletani che avevano scelto la rovesciata di Higuain quale prodezza da immortalare con un tatuaggio decisero che quel simbolo andava cassato dalla pelle. ‘

Schermata 2016-10-29 alle 15.36.56

E così  la Syneron Candela Italia, un’azienda di tatuaggi di Formello (Roma), si offrì di cancellare quel tatuaggio ormai scomodo e anacronistico. Da allora sono passati circa tre mesi ma ne occorreranno altri cinque perché dopo essere sparito dal cuore, Higuain scompaia anche dalla pelle.

Juvenews.eu

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy