IL RETROSCENA – Lo Monaco: “Dybala fu vicino al Catania”

IL RETROSCENA – Lo Monaco: “Dybala fu vicino al Catania”

Interessante retroscena quello svelato da Pietro Lo Monaco in una sua intervista: Dybala fu vicino al Catania prima di andare al Palermo

Chirico

L’ex direttore sportivo del Catania Pietro Lo Monaco, in un’intervista rilasciata a itasportpress.it, ha parlato di Paulo Dybala svelando un retroscena fino ad ora rimasto segreto: “Sono stato il primo dirigente italiano in assoluto a notare Dybala. In uno dei miei consueti viaggi in Sudamerica, alla scoperta di talenti per il mio Catania, passai da Còrdoba dove vidi questo giovane ragazzo che mi impressionò in un primo momento per la somiglianza con il tecnico rossazzurro Vincenzo Montella. Giocava in Serie B argentina e notai immediatamente le sue straordinarie qualità tanto da avviare una trattativa. Capì subito che non era un’operazione da Catania, nel senso squisitamente economico. Mi chiesero tre milioni di dollari per il 70% del cartellino, ma io ero disposto ad offrirne la metà. In attesa di rivederci, il ragazzo fece 17 reti ed il prezzo del suo cartellino lievitò immediatamente e mi dovetti così rassegnare”.

________________________________________________________________________________

Resta collegato tutto il giorno con Juvenews.eu. A partire da metà mattinata, tutte le news di Rassegna Stampa e non solo. Leggi tutti i quotidiani in chiave bianconera con un semplice clic. A tua disposizione La Gazzetta dello Sport e naturalmente Tuttosport. Juvenews.eu ti aspetta inoltre con la sua diretta live, le voci del pre e post partita e il commento in occasione di ogni gara ufficiale e amichevole della nostra Juventus. Vivi le partite della Vecchia Signora, condividi i nostri articoli, fai girare la voce, inserisci la tua mail e commenta gli articoli. Accendi la tua passione bianconera con Juvenews.eu e visita la nostra pagina facebook: https://www.facebook.com/Juvenews.eu.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy