IL MATCH – Saranno in 50000 per Roma-Juve. La Curva sud continua lo sciopero

IL MATCH – Saranno in 50000 per Roma-Juve. La Curva sud continua lo sciopero

Secondo quanto riportato dal quotidiano “Repubblica”, saranno più di 50000 gli spettatori per Roma-Juve

AGGIORNAMENTO 25-08-2015

09:30 – Secondo quanto riportato dall’edizione odierna di “Repubblica”, allo stadio Olimpico, per il primo match di campionato in casa contro la JUventus, ci saranno ben 50000 spettatori. La curva giallorossa resta ferma sulla sua scelta. La protesta, contro le nuove disposizioni del prefetto Gabrielli, continua

TORINO – Domenica prossima si giocherà la seconda giornata di campionato tra la Roma e la Juventus. Poco fa, tramite un comunicato ufficiale, la Curva Sud (settore che ospita gli ultras giallorossi all’interno dello stadio olimpico), ha fatto sapere che prenderà parte al match ma non porteranno strisiconi non alzeranno cori, insomma un muro di silenzio. Questo per colpa dell’atteggiamento della polizia, ostile nei loro confronti durante l’amichevole contro il Siviglia, ma soprattutto per la tanto contestata divisione della Curva in due settori.

comunicato curva

ROMA-JUVENTUS – Il responsabile del ticketing As Roma, Carlo Feliziani, è intevenuto in diretta ai microfoni di Radio Radio per informare le tifoserie sul numero di spettatori già con il biglietto: “C’è parecchio movimento per la partita – ha detto Feliziani – Quasi esauriti i settori ‘popolari’. Sono rimasti pochi biglietti nei Distinti nord-est, e alla fine rimarranno solo biglietti di Tevere e Monte Mario. Compresi gli abbonati siamo già intorno ai 48 mila. Non potrà esserci il tutto esaurito perché sono state ridotte le capienze delle Curve e ci saranno circa 2500 posti in meno. Gli orari di apertura saranno non inferiori alle 2 ore e mezza prima della partita, d’altronde si gioca alle 18 ed è un giorno festivo quindi non ci saranno rischi di file o altri problemi”.

Juvenews.eu

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy