Bonolis: “Juve sempre avvantaggiata. Da radiare, sempre la solita barzelletta”

Bonolis: “Juve sempre avvantaggiata. Da radiare, sempre la solita barzelletta”

Il noto presentatore si sfoga ai microfoni di Radio Radio: “Pjanic come Iuliano su Ronaldo”

di redazionejuvenews

TORINO – La partita di sabato sera tra Inter e Juventus ha scatenato un polverone, nell’occhio del ciclone c’è Daniele Orsato. Il direttore di gara è accusato di un arbitraggio troppo squilibrato e di aver avuto due misure diverse nelle decisioni, in particolar modo sull’espulsione di Vecino e sul mancato secondo giallo a Miralem Pjanic. I tifosi nerazzurri si sono scatenati sul web contro il fischietto, che ieri è stato ufficialmente inserito tra quelli che andranno al Mondiale, uno particolare è intervenuto a Radio Radio esprimendo tutta la sua disapprovazione: Paolo Bonolis. Il noto conduttore televisivo ha detto: “Io ho quasi 57 anni e da 40 anni vedo accadere sempre le stesse cose, non c’è nemmeno l’arrabbiatura ma solo la disillusione. Ci sono sempre state le polemiche ma poi finisce che chi ha vinto si tiene la vittoria e i suoi effetti. La Juve è una squadra tremendamente forte, in fase difensiva è straordinaria. Ma come fa? Commette fallo tattico ogni volta che perde palla, ma il fallo tattico della Juve viene sanzionato una volta su dieci, quelli delle altre sempre. Ora scopriamo che c’è anche il lodo Pjanic: l’ammonizione diventa un certificato di garanzia, quando un bianconero prende un cartellino può fare ciò che vuole. Il mancato secondo cartellino a Pjanic, che ha fatto un fallo alla Bruce Lee, assomiglia al fallo di Iuliano su Ronaldo. 
Nonostante quello che è successo tanti anni fa, anche se poi tutto è finito a tarallucci e vino, va sempre allo stesso modo.  C’è una società che ha rapporti differenti con il potere e quando c’è bisogno l’arbitro, accidenti, sbaglia sempre dalla stessa parte. Non ricordo che le stesse cose siano successe a loro, ricordo invece che è capitato a tutte: all’Inter tante volte, poi alla Lazio, alla Roma, al Milan, al Napoli. Io parlo della storicizzazione degli eventi: c’è una costante bianconera. Può capitare a vantaggio di una squadra o di un’altra: ci sono società che a volte hanno beneficiato degli errori degli arbitri e altre sono state penalizzate, ma la Juve è una costante, viene sempre avvantaggiata. E capita agli arbitri bravi: ma com’è possibile che sbagli in questo modo un arbitro tanto bravo? L’errore è plateale. Calciopoli prevedeva la radiazione di una società, invece ne sono usciti in gloria. Sono stati condannati per il doping il giorno dopo che è caduto in prescrizione. E’ sempre la solita barzelletta”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

INTER-JUVE VISSUTA DAI TIFOSI

MERCATO JUVE. ECCO IL TOP PLAYER PER LA DIFESA

SEGUICI SU: Facebook / Twitter / Instagram

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy