UFFICIALE – Inter, doppio colpo: ecco Dodò e M’Vila

UFFICIALE – Inter, doppio colpo: ecco Dodò e M’Vila

Ora Nemaja Vidic non è più solo. Al ritiro di Pinzolo il centrale ex Manchester United non sarà l’unica faccia nuova. L’Inter ha infatti praticamente chiuso per il francese Yann M’Vila (e qui l’accordo era più che nell’aria, ) e per il brasiliano Dodò della Roma. Il centrocampista proveniente dal…

Ora Nemaja Vidic non è più solo. Al ritiro di Pinzolo il centrale ex Manchester United non sarà l’unica faccia nuova. L’Inter ha infatti praticamente chiuso per il francese Yann M’Vila (e qui l’accordo era più che nell’aria, ) e per il brasiliano Dodò della Roma. Il centrocampista proveniente dal Rubin e il terzino sinistro classe 1992 dovrebbero essere domani a Milano per le visite mediche, da mercoledì in ritiro con i nuovi compagni di squadra.

DOPPIO PRESTITO — Il doppio affare è stato chiuso con la formula dei prestiti con diritto di riscatto (un escamotage anche per evitare la “spada di damocle” del fairplay economico che pende sulla testa del club di Thohir). M’Vila arriva in prestito annuale, con riscatto fissato attorno ai 9 milioni di euro (in questo caso manca il fax di ritorno del club russo all’ultima offerta dell’Inter, ma si tratta di dettagli), Dodò in prestito biennale: nel 2016 il riscatto è fissato a 6,5 milioni.

DODÒ — La vera accelerata è arrivata proprio sull’esterno brasiliano, 19 presenze da titolare sulla fascia sinistra nello scorso campionato con la Roma. Prelevato dai giallorossi dal Corinthians nell’estate di due anni fa, Dodo nei primi due anni italiani ha mostrato qualità, ma anche un pizzico di prevedibile inesperienza. José Rodolfo Pires Ribeiro, questo il suo vero nome, ha già subito in carriera la rottura dei legamenti crociati del ginocchio sinistro. La distorsione dello scorso maggio aveva “spaventato” il club interista, ma domani le visite mediche dovrebbero togliere ogni dubbio.

 

M’VILA — L’arrivo di M’Vila è ormai nell’aria: di origini congolesi, si è rivelato “al mondo” con il Rennes. Classe 1990, dotato di capacità di “rottura” davanti alla difesa ma anche di doti da regista, era passato al Rubin nel gennaio 2013 per 15 milioni di euro. Nell’ultimo campionato russo 19 presenze e 3 assist.

Gazzetta.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy