«Sì, ho tradito Billy»

«Sì, ho tradito Billy»

La vita di Martina Colombari è una e ora è in un libro. Nella sua introduzione, l’autrice lo definisce «una pietra miliare della letteratura italiana», l’inizio di una prepotente escalation di sarcasmo messa su pagina con il placet del suo co-autore, il giornalista Luca Serafini. La Colombari ha un vantaggio…

La vita di Martina Colombari è una e ora è in un libro. Nella sua introduzione, l’autrice lo definisce «una pietra miliare della letteratura italiana», l’inizio di una prepotente escalation di sarcasmo messa su pagina con il placet del suo co-autore, il giornalista Luca Serafini. La Colombari ha un vantaggio rispetto alle colleghe showgirl e alle regine della passerella: un viso pulito e una natura semplicemente dirompente che piacciono a tutti. Le stesse cose che hanno convinto la giuria di Miss Italia a incoronarla regina di bellezza nel 1991.

 

La vita è una nasce dall’irresistibile esigenza di raccontare l’impegno di volontaria a Haiti, cosa di cui si parla non prima di pagina 107. L’introduzione all’argomento è però all’inizio del libro con questa frase: «Io sono l’unica italiana che quando va in missione umanitaria ingrassa».
UNA RAGAZZA NORMALE? L’ossessione per il suo aspetto fisico è un tema ricorrente e sviscerato a lungo in questa biografia. Questo basta a ricordare al lettore che non è sufficiente essere di origini romagnole, spigliate e casinare, sposate con lo stesso uomo da sempre per convincere chi legge di essere come tutti gli altri. Lei invece ci prova a raccontarsi come una ragazza normale, ci prova disperatamente. Racconta dei suoi amici in maniera molto dettagliata: è dura ricordare anche solo il primo dei nomi di tutti i suoi agenti a cui telefona quando è in crisi o quando ha qualcosa da raccontare o di cui gioire.

 

Il libro si fa leggere come un settimanale patinato dal parrucchiere, se solo si ha la pazienza di saltare tutti i «non giudicatemi» e i «sono come tutti gli altri». Perché lei è Martina Colombari e il lettore è un uomo o una donna come tanti che ha bisogno di conoscere tutti i dettagli di una vita da favola e non di un’esistenza normale. Chi compra questo libro vuole farsi gli affari di Martina Colombari, avere la libertà di giudicarla e di scoprire i dettagli più pruriginosi della sua esistenza. Gli autori, ben consapevoli di questo, non lesinano episodi piccanti della vita della showgirl, passando in rassegna Alberto Tomba e Alessandro Costacurta, amanti compresi.
BILLY TRADITO. L’episodio chiave di questa biografia infarcita di allegre parolacce e aneddoti spesso inutili e lacrimevoli è proprio la confessione del flirt avuto con Valerio Morabito, figlio di un noto costruttore romano. Ed è qui che si vede il tocco di chi vive nel mondo dello spettacolo da due decadi: Martina confessa di aver tradito Billy. Lui lo apprende dal libro, s’infuria, poi perdona: la vita della Colombari passa dalla pagina mesta di un libro da 18 euro a migliaia di più chiassose pagine di giornale, tv e web. Perché ormai le star che fanno lodevole volontariato hanno riempito i tabloid, ma di tradimenti non ce n’è mai abbastanza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy