++ MORTE IN CAMPO ++

++ MORTE IN CAMPO ++

Un’altra tragedia sconvolge il mondo del calcio. In Cile è morto il ventitreenne calciatore Carlos Barra, stroncato da un arresto cardiaco durante l’amichevole tra il Palestino e il Maipu Qulicura. Barra, secondo il quotidiano ‘La Tercera’ avrebbe dovuto firmare un contratto con il Maipu Qulicura proprio la prossima settimana. Barra,…

Un’altra tragedia sconvolge il mondo del calcio. In Cile è morto il ventitreenne calciatore Carlos Barra, stroncato da un arresto cardiaco durante l’amichevole tra il Palestino e il Maipu Qulicura. Barra, secondo il quotidiano ‘La Tercera’ avrebbe dovuto firmare un contratto con il Maipu Qulicura proprio la prossima settimana. Barra, che aveva giocato con il Deportes, durante la gara si è accasciato a terra e non ha più ripreso conoscenza. Sono stati vani i tentativi dei medici che non sono riusciti a rianimarlo.

 

Il tecnico Saavedra: “Avrebbe firmato con il Maipu a giorni” Il suo allenatore Saavedra ha raccontato cosa è successo: “Carlos è svenuto all’improvviso e non c’è stato verso di farlo riprendere. Quando l’ambulanza è arrivata era già morto. Lui era giovane e sano, è assurdo. Carlos è stato con noi un paio di settimane, ha fatto tutti i test e gli esami di routine e aveva giocato anche il giorno prima senza presentare alcuna anomalia. Anzi, atleticamente era uno dei più dotati tanto che avevamo deciso di offrirgli un contratto. Avrebbe firmato a giorni.”. Stupito anche Hermes Navarro, un componente dello staff del Maipu: “Studiava educazione fisica ed era sempre tra i migliori nei test atletici. Non riesco a spiegarmi cosa sia accaduto.”

La morte di Carlos Barra riporta alla mente Piermario Morosini Si allunga così il triste elenco di calciatori che hanno perso la vita in campo. A noi italiani vengono rapidamente alla mente i nomi di Piermario Morosini, scomparso nell’aprile del 2012 durante il match tra Pescara e Livorno, e di Renato Curi, capitano del Perugia morto in un incontro con laJuventus. In campo ha perso la vita anche il povero Marc Vivian Foe, in un incontro tra Francia e Camerun di Confederations Cup del 2003. Giovanissimi sono morti anche gli spagnoli Antonio Puerta e Daniel Jarque, scomparsi a due anni di distanza e molto spesso ricordati anche dai calciatori della ‘Roja’ quando sono diventati Campioni del Mondo o Campione d’Europa. (http://calcio.fanpage.it/)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy