Problemi col fisco spagnolo anche per Modric

Problemi col fisco spagnolo anche per Modric

Modric, stella croata del Real Madrid, sta avendo dei problemi col fisco spagnolo come in passato è successo a Cristiano Ronaldo e Mourinho

di redazionejuvenews

L’Agenzia delle Entrate spagnola ha imposto una nuova sanzione al centrocampista del Real Madrid Luka Modric. In Spagna sembra che la stella croata non abbia versato circa 1,2 milioni di euro durante l’anno in cui ha firmato per il Real Madrid. Il Tesoro ritiene che il centrocampista doveva esser tassato pienamente durante l’anno 2012 in cui è sbarcato in Spagna anche se ha vissuto per otto mesi in Inghilterra mentre giocava con la maglia del Tottenham.
Tale importo è già stato pagato dal giocatore che è ricorso in appello rifiutando la sanzione amministrativa. Parallelamente, il Tesoro si è rivolto a Modric per due reati fiscali relativi agli anni 2013 e 2014. In totale, sommando gli importi, il giocatore croato ha già dovuto versare al fisco spagnolo una cifra superiore ai 2 milioni di euro. Come già successo in passato con altre stelle di calcio, l’agenzia delle entrate ha citato Modric accusandolo di simulare il trasferimento dei proventi dei diritti d’immagine attraverso una holding con sede in Lussemburgo denominata Ivano SARL. La Procura della Repubblica sostiene che nonostante l’aspetto formalmente “corretto” dell’incasso dei diritti d’immagine, contesta il reato di incasso fittizio della società Ivano “con il solo scopo di canalizzare attraverso tale società i proventi dei diritti di immagine del giocatore, eludendo la tassazione in Spagna dei rendimenti ottenuti”. Modric ha canalizzato, per esempio, il suo contratto di sponsorizzazione con Nike, ma anche i pagamenti del Real Madrid relativi ai diritti di immagine. Secondo la Procura della Repubblica, la società Ivano “mancava di risorse umane e materiali per gestire i diritti di immagine del giocatore” e quindi è una società meramente fittizia. Allo stesso modo, il National Bureau of Investigation against Fraud (ONIF) dell’Agenzia delle Entrate ha avvertito l’Ufficio del Procuratore della possibile esistenza di posizioni finanziarie nascoste da Modric sull’isola di Man. Per questo motivo è stata richiesta una lettera di richiesta per determinare “eventuali conti correnti, depositi o qualsiasi altro prodotto finanziario” a nome del giocatore.
In questo momento, Modric sta negoziando con l’Ufficio del Procuratore per raggiungere un accordo simile a quello firmato da altri calciatori per chiudere il processo giudiziario. A tal fine, il giocatore ha ingaggiato l’ex magistrato José Antonio Choclán come avvocato, che ha appena chiuso, a nome di Cristiano Ronaldo e José Mourinho, due dei più grandi accordi di conformità firmati negli ultimi anni in Spagna. Il nuovo giocatore della Juventus ha dovuto pagare 18,8 milioni di euro e l’allenatore del Manchester United, oltre cinque milioni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy