MILAN, ECCO IL NUOVO SHEVA

MILAN, ECCO IL NUOVO SHEVA

Quando parliamo del Milan e leggiamo classe 1998 il pensiero va subito ad Hachim Mastour. In realtà il settore giovanile rossonero offre un altro talento di sicuro avvenire, Cosimo La Ferrara. Prima di raccontarvi la scheda del giocatore, ci piace sottolineare come il giocatore sia cresciuto guardando in televisione le…

Quando parliamo del Milan e leggiamo classe 1998 il pensiero va subito ad Hachim Mastour. In realtà il settore giovanile rossonero offre un altro talento di sicuro avvenire, Cosimo La Ferrara. Prima di raccontarvi la scheda del giocatore, ci piace sottolineare come il giocatore sia cresciuto guardando in televisione le gesta di un immortale ex calciatore del Milan, Andriy Shevchenko. Destino o altro, non ci sbilanciamo, hanno voluto condurre La Ferrara in quel di Milanello, divenuta la nuova casa del giocatore campano, preso da Filippo Galli in persona, il responsabile del settore giovanile milanista.  

 

I primi passi – Cosimo La Ferrara cresce calcisticamente nella Mariano Keller, nota scuola calcio di Napoli, dove resta fino al 2010. In quell’anno infatti la vita del giovane napoletano cambia radicalmente: all’età di dodici anni si avvera per La Ferrara il sogno più grande, quello del trasferimento in una big del calcio italiano, il Milan, forse tra le migliori società in questi ultimi anni per le politiche giovanili.

Mi manda Raiola – Tra le curiosità del mondo di Cosimo La Ferrara figura anche lui, Mino Raiola, da sempre in prima linea quando si tratta di giovani di talento. È merito anche suo se Ferrara entra a far parte del Milan, avendo preso in mano da subito la situazione contattando diversi club di prima fascia prima di accordarsi con la società milanista, forte della sua “vicinanza” con l’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani.

Caratteristiche – La stagione di quest’anno di Cosimo La Ferrara è stata particolarmente emblematica. Giocando al fianco della prima punta Patrick Cutrone, Cosimo ha messo in mostra tutto il proprio talento. Numero 11 naturale, La Ferrara è un attaccante che fa della tecnica, creatività e velocità le sue armi migliori, dando il meglio di sé al fianco di una potente prima punta. Nonostante il fisico ancora non sia dalla sua parte (172 cm per 55 kg), il giovane attaccante rossonero ha le qualità per diventare un giocatore importante.

Campionato 2013-2014 – Cosimo La Ferrara è stato tra i protagonisti più importanti nella fantastica cavalcata degli Allievi di I e II divisione allenati da mister Brocchi, promosso a tecnico Primavera in vista dell’imminente stagione 2014-2015. Insieme a Cutrone, Cosimo ha contribuito in maniera determinante alle 18 vittorie rossonere e alla vittoria del titolo, a coronamento di un’annata fantastica.

Memorial Aragones – Testimonianza significativa della crescita di Cosimo La Ferrara la prova offerta dall’attaccante napoletano durante il Memorial Aragones 2014, disputato dagli Allievi di mister Brocchi in quel di Madrid. Il gol arriva nella d’esordio, vinta 3-1 contro l’Atletico di Madrid, con gli stessi Colchoneros che conquisteranno il successo nella finalissima contro il Milan vincendo per 1-0.

Al Kaas Cup – Tra le tante partite giocate da Cosimo La Ferrara al di fuori dei confini italiani con la maglia del Milan non possiamo non citare quelle del torneo Al Kaas Cup, disputato dagli Allievi di I e II divisione nella seconda metà del mese di gennaio in Qatar, dove i rossoneri si sono confrontati con i migliori vivai Under 16 d’Europa e del mondo. L’avventura del Milan si è conclusa in semifinale, con il Real Madrid superiore ai giovani rossoneri (2-1 il risultato finale). Nella finalina per il terzo/quarto posto, giocata contro i brasiliani del Fluminense, Cosimo La Ferrara ha segnato una doppietta (sue le reti del 2-1 e del 3-1), decisiva ai fini del risultato con il Milan che ha fatto sua la partita per 4-3.

 

 

Trofeo Ferroli – Oltre al campionato, Cosimo La Ferrara ha potuto esultare anche per la vittoria conseguita al Trofeo Ferroli di San Bonifacio. Ironia della sorte, in finale sono arrivate proprio Real Madrid e Milan, con i rossoneri che sono riusciti a vendicare la sconfitta subita nel corso dell’Al Kaas Cup. Chiusi i minuti regolamentarsi sul 2-2, i giovani talenti allenati da Cristian Brocchi hanno avuto la meglio ai calci di rigore. Ottima anche in quell’occasione la prova di La Ferrara, autore di uno dei due gol del Milan che hanno fissato il risultato sul 2-2 prima dei penalty.

Derby – Per Cosimo La Ferrara però non sono state tutte rose e fiori. L’attaccante del Milan si è infatti reso protagonista di uno spiacevole episodio a sfondo razzisti ai danni di Justine Opoku durante il derby giocato nel girone di ritorno, vinto dagli Allievi rossoneri con un eloquente 5-0. Partito dalla panchina, Cosimo è riuscito a timbrare il gol della “manita”, sventolata poi in faccia alla panchina nerazzurra con annesso “questo è per te negro di merda” (riferendosi ad Opoku), prima di essere sostituito per motivi da Brocchi, avvertito del gesto di Cosimo dall’allenatore avversario. Nonostante le critiche ricevute al termine di quella partita, con Cosimo che si è scusato con mister Cauet una volta sostituito (scuse non accettate da tutta la panchina interista), il giocatore campano ha dimostrato di possedere una forte personalità, senza la quale oggi difficilmente un calciatore può aspirare a diventare qualcuno di importante. Per onore della cronaca, il tutto alla fine è rientrato con il derby disputato dagli Allievi Nazionali ad aprile, conclusosi con un rugbistico terzo tempo.

 

 

Contratto – Lo scorso 14 maggio, meno di un mese dopo compiuti i 16 anni, per Cosimo La Ferrara è arrivato il tempo di firmare il primo contratto della sua vita. La stessa società rossonera ha pubblicato sul proprio sito ufficiale la firma sul contratto del calciatore fino a giugno del 2017, quando il giocatore avrà compiuto 19 anni. Al momento della firma era presente lo stesso amministratore delegato Adriano Galliani.

L’anno che verrà – Nella stagione 2014-2015 Cosimo La Ferrara giocherà negli Allievi Nazionali del nuovo tecnico Riccardo Monguzzi insieme ai suoi ex compagni di squadra degli Allievi di I e II divisione come El Hilali, Zanellato, Agnero, Iudica e Llamas. Ad oggi è facile immaginare che La Ferrara sarà uno degli attaccanti più prolifici degli Allievi Nazionali a cui si aggrapperà il nuovo allenatore per ripetere la fantastica stagione della rosa allenata da Omar Danesi, conclusasi con la finale (persa) di Chianciano Terme.

 

 

Futuro – Nonostante sia un classe ’98, Cosimo La Ferrara già a partire dai primi mesi del 2015 può diventare una pedina importante per il tecnico della Primavera Brocchi. Quest’ultimo conosce bene le potenzialità di Cosimo e non è eresia pensare ad una sua promozione magari durante il prossimo torneo di Viareggio che si disputerà nel mese di febbraio. Il talento c’è, che senso ha aspettare?

Scheda calciatore

Nome: Cosimo La Ferrara
Data di nascita: 20 aprile 1998, Napoli
Nazionalità: Italia
Ruolo: attaccante
Altezza: 172 cm
Peso: 55 kg
Squadra d’appartenenza: Allievi Nazionali Milan
Pro: tecnica, finalizzazione
Contro: fisico
Nazionale: Under 16
Gol ultima stagione: 13
Curiosità: il suo agente è Mino Raiola
Idolo: Andriy Shevchenko
Consigli per gli acquisti: Milan
Scadenza contratto: giugno 2017

t

Campionato 2013-2014 – Cosimo La Ferrara è stato tra i protagonisti più importanti nella fantastica cavalcata degli Allievi di I e II divisione allenati da mister Brocchi, promosso a tecnico Primavera in vista dell’imminente stagione 2014-2015. Insieme a Cutrone, Cosimo ha contribuito in maniera determinante alle 18 vittorie rossonere e alla vittoria del titolo, a coronamento di un’annata fantastica.

Memorial Aragones – Testimonianza significativa della crescita di Cosimo La Ferrara la prova offerta dall’attaccante napoletano durante il Memorial Aragones 2014, disputato dagli Allievi di mister Brocchi in quel di Madrid. Il gol arriva nella d’esordio, vinta 3-1 contro l’Atletico di Madrid, con gli stessi Colchoneros che conquisteranno il successo nella finalissima contro il Milan vincendo per 1-0.

Al Kaas Cup – Tra le tante partite giocate da Cosimo La Ferrara al di fuori dei confini italiani con la maglia del Milan non possiamo non citare quelle del torneo Al Kaas Cup, disputato dagli Allievi di I e II divisione nella seconda metà del mese di gennaio in Qatar, dove i rossoneri si sono confrontati con i migliori vivai Under 16 d’Europa e del mondo. L’avventura del Milan si è conclusa in semifinale, con il Real Madrid superiore ai giovani rossoneri (2-1 il risultato finale). Nella finalina per il terzo/quarto posto, giocata contro i brasiliani del Fluminense, Cosimo La Ferrara ha segnato una doppietta (sue le reti del 2-1 e del 3-1), decisiva ai fini del risultato con il Milan che ha fatto sua la partita per 4-3.

 

 

Trofeo Ferroli – Oltre al campionato, Cosimo La Ferrara ha potuto esultare anche per la vittoria conseguita al Trofeo Ferroli di San Bonifacio. Ironia della sorte, in finale sono arrivate proprio Real Madrid e Milan, con i rossoneri che sono riusciti a vendicare la sconfitta subita nel corso dell’Al Kaas Cup. Chiusi i minuti regolamentarsi sul 2-2, i giovani talenti allenati da Cristian Brocchi hanno avuto la meglio ai calci di rigore. Ottima anche in quell’occasione la prova di La Ferrara, autore di uno dei due gol del Milan che hanno fissato il risultato sul 2-2 prima dei penalty.

Derby – Per Cosimo La Ferrara però non sono state tutte rose e fiori. L’attaccante del Milan si è infatti reso protagonista di uno spiacevole episodio a sfondo razzisti ai danni di Justine Opoku durante il derby giocato nel girone di ritorno, vinto dagli Allievi rossoneri con un eloquente 5-0. Partito dalla panchina, Cosimo è riuscito a timbrare il gol della “manita”, sventolata poi in faccia alla panchina nerazzurra con annesso “questo è per te negro di merda” (riferendosi ad Opoku), prima di essere sostituito per motivi da Brocchi, avvertito del gesto di Cosimo dall’allenatore avversario. Nonostante le critiche ricevute al termine di quella partita, con Cosimo che si è scusato con mister Cauet una volta sostituito (scuse non accettate da tutta la panchina interista), il giocatore campano ha dimostrato di possedere una forte personalità, senza la quale oggi difficilmente un calciatore può aspirare a diventare qualcuno di importante. Per onore della cronaca, il tutto alla fine è rientrato con il derby disputato dagli Allievi Nazionali ad aprile, conclusosi con un rugbistico terzo tempo.

 

 

Contratto – Lo scorso 14 maggio, meno di un mese dopo compiuti i 16 anni, per Cosimo La Ferrara è arrivato il tempo di firmare il primo contratto della sua vita. La stessa società rossonera ha pubblicato sul proprio sito ufficiale la firma sul contratto del calciatore fino a giugno del 2017, quando il giocatore avrà compiuto 19 anni. Al momento della firma era presente lo stesso amministratore delegato Adriano Galliani.

L’anno che verrà – Nella stagione 2014-2015 Cosimo La Ferrara giocherà negli Allievi Nazionali del nuovo tecnico Riccardo Monguzzi insieme ai suoi ex compagni di squadra degli Allievi di I e II divisione come El Hilali, Zanellato, Agnero, Iudica e Llamas. Ad oggi è facile immaginare che La Ferrara sarà uno degli attaccanti più prolifici degli Allievi Nazionali a cui si aggrapperà il nuovo allenatore per ripetere la fantastica stagione della rosa allenata da Omar Danesi, conclusasi con la finale (persa) di Chianciano Terme.

 

 

Futuro – Nonostante sia un classe ’98, Cosimo La Ferrara già a partire dai primi mesi del 2015 può diventare una pedina importante per il tecnico della Primavera Brocchi. Quest’ultimo conosce bene le potenzialità di Cosimo e non è eresia pensare ad una sua promozione magari durante il prossimo torneo di Viareggio che si disputerà nel mese di febbraio. Il talento c’è, che senso ha aspettare?

Scheda calciatore

Nome: Cosimo La Ferrara
Data di nascita: 20 aprile 1998, Napoli
Nazionalità: Italia
Ruolo: attaccante
Altezza: 172 cm
Peso: 55 kg
Squadra d’appartenenza: Allievi Nazionali Milan
Pro: tecnica, finalizzazione
Contro: fisico
Nazionale: Under 16
Gol ultima stagione: 13
Curiosità: il suo agente è Mino Raiola
Idolo: Andriy Shevchenko
Consigli per gli acquisti: Milan
Scadenza contratto: giugno 2017

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy