L’EX MILAN NEI GUAI PER POSSESSO DI COCAINA

L’EX MILAN NEI GUAI PER POSSESSO DI COCAINA

Nuovi guai per l’ex portiere del grande Milan degli anni Novanta, Sebastiano Rossi. Il nome dell’ex estremo difensore rossonero (5 scudetti e una Champions coi rossoneri dal 1990 al 2002) compare insieme a quello di altre 17 persone nel fascicolo degli indagati per un giro di spaccio di droga che…

Nuovi guai per l’ex portiere del grande Milan degli anni Novanta, Sebastiano Rossi. Il nome dell’ex estremo difensore rossonero (5 scudetti e una Champions coi rossoneri dal 1990 al 2002) compare insieme a quello di altre 17 persone nel fascicolo degli indagati per un giro di spaccio di droga che avrebbe il proprio fulcro fra Cervia e Milano Marittima, e che si estende fino a Faenza, Ravenna e Bagnacavallo.

 

L’inchiesta è partita con l’apertura di un fascicolo da parte del Pm ravennate Monica Gargiulo in seguito all’arresto di uno spacciatore albanese, sorpreso in un albergo della Riviera adriatica in possesso di cocaina e di un’arma da fuoco. Da lì sono iniziati controlli telefonici su varie utenze, da cui sono emersi scambi di quantità ancora imprecisate di droga, fra l’estate del 2009 e l’inverno del 2010.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Rossi sarebbe fra coloro che avrebbero comprato per sé e per altri la sostanza stupefacente. Non è peraltro la prima volta che l’ex portiere si trova a fare i conti con la giustizia: nel maggio 2011 venne arrestato dopo aver dato un pugno a un maresciallo dei carabinieri in seguito a una lite all’interno di un locale di Cesena. 

Nel 2007 fu invece denunciato a piede libero per le accuse di minacce gravi, continuate e in concorso, con porto di armi improprie, lesioni, ingiurie e sequestro di persona con tentata violenza privata, per una serie di fatti avvenuti fra il 2004 e il 2006. Rossi è ancora oggi il detentore del record di imbattibilità di un portiere in Serie A: ben 929 minuti senza subire goal.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy