“Il cibo è come una droga”, la star del Grande Fratello non riesce a smettere di ingrassare

“Il cibo è come una droga”, la star del Grande Fratello non riesce a smettere di ingrassare

Chanelle Hayes è stata una delle star assolute dell’ottava edizione del Big Brother Uk, la versione inglese del nostrano Grande Fratello, pronto a ripartire dopo quasi due anni di stop. La britannica 32enne fece breccia nei cuori dei telespettatori per la storia d’amore con un altro concorrente, Ziggy Lichman, e…

Chanelle Hayes è stata una delle star assolute dell’ottava edizione del Big Brother Uk, la versione inglese del nostrano Grande Fratello, pronto a ripartire dopo quasi due anni di stop. La britannica 32enne fece breccia nei cuori dei telespettatori per la storia d’amore con un altro concorrente, Ziggy Lichman, e per una storia triste alle spalle (la madre fu assassinata), così all’uscita dalla casa è riuscita a rimanere sulla cresta dell’onda, tra conduzioni televisive e piccoli tentativi di entrare nel mondo della musica. Adesso non riesce più a smettere a di ingrassare, visto che ha rivelato di essere una vera e propria assatanata a tavola. Il cibo per me è diventato come una droga, soprattutto durante la gravidanza. Per me mangiare è diventato anche un modo per combattere la noia, così a volte resto lì, ore ed ore, e divento più grassa di quello che voglio essere. 

 

Dalla taglia 42 ad una 46 abbondante, questo è l’incredibile evoluzione di Chanelle che, nonostante tutto, non ha perso popolarità ridefinendosi, temporaneamente, come indossatrice e modella di abiti, costumi e underwear tutti rigorosamente “curvy”. Adesso però vuole provare a darsi una regolata: “Io mi sento bene, per me non è un problema essere più pienotta, ma so anche che mangiare troppo mi può fare male. Ho un compagno ed una figlia, devo pensare anche a loro”. Riuscirà Chanelle a rientrare nei ranghi e a limitare questa sua ossessione?

http://gossip.fanpage.it/

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy