Del Piero: “Juventus, la mia vita: giocherò contro, inutile che spieghi”

Del Piero: “Juventus, la mia vita: giocherò contro, inutile che spieghi”

Alessandro Del Piero prova a mettere nero su bianco tutto quello che sente in questo momento. Domenica, a Sydney, si ritroverà a sfidare il suo passato, la Juve, e anche se sarà soltanto un’esibizione, una festa, l’attesa sta già divorando l’ex capitano bianconero: “Sto vivendo con grande entusiasmo questi giorni…

Alessandro Del Piero prova a mettere nero su bianco tutto quello che sente in questo momento. Domenica, a Sydney, si ritroverà a sfidare il suo passato, la Juve, e anche se sarà soltanto un’esibizione, una festa, l’attesa sta già divorando l’ex capitano bianconero: “Sto vivendo con grande entusiasmo questi giorni a Sydney – ha scritto sul proprio sito – Tante cose da fare, tante persone da rivedere e salutare, tanti arrivederci, foto, autografi, strette di mano, e poi soprattutto il camp di allenamento in vista della partita che giocherò domenica con la maglia delle All Stars della A-League “contro” la Juventus: mai creduto alle coincidenze soprattutto se si parla di quei due colori l’uno vicino all’altro, bianco e nero, la mia storia, la mia vita. In due parole, da quel 13 maggio 2012 allo Juventus Stadium: One Love”.

 

LA SFIDA — Sarà una prima volta strana: Del Piero ha sempre giocato per la Juve, mai contro in 19 anni, 11 da capitano, con 705 presenze e 290 gol. L’ha lasciata nell’estate 2012 e ora, dopo 2 anni, la affronterà da avversario: “Sono molto felice di avere l’opportunità di salutare sul campo i tanti tifosi che nei due anni della mia fantastica esperienza australiana mi hanno travolto con la loro passione, la stima, l’affetto. Vorrei davvero ringraziare tutti, e lo farò nel posto che più mi piace e dove mi trovo maggiormente a mio agio, a casa: il campo. Domenica sarà anche il momento di guardarci per un istante alle spalle e vedere in un’occasione così importante e al cospetto di una squadra così grande, quanto è cresciuto sotto tutti i punti di vista il movimento calcistico australiano. Sono particolarmente orgoglioso di avere contribuito anche io negli ultimi due anni a questo sviluppo, che sono convinto non si fermerà”.

La chiusura è ancora per la Juventus: “Lo so, lo so che di fronte a me, intendo dall’altra parte del campo, con un’altra maglia, ci sarà la Juventus… Ma c’è davvero bisogno che vi spieghi cosa significa questo per me?”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy