20 cose che forse non sapete sui Simpson!

20 cose che forse non sapete sui Simpson!

Fan dei Simpson, ecco una sfida che fa per voi! Se pensate di sapere tutto, ma proprio tutto, sul vostro cartone animato preferito, attenzione perché potreste dovervi ricredere. Abbiamo raccolto infatti una serie di curiosità sulle celebre saga di Matt Groening, tra le più disparate e particolari. Quale specifica richiesta…

Fan dei Simpson, ecco una sfida che fa per voi! Se pensate di sapere tutto, ma proprio tutto, sul vostro cartone animato preferito, attenzione perché potreste dovervi ricredere. Abbiamo raccolto infatti una serie di curiosità sulle celebre saga di Matt Groening, tra le più disparate e particolari. Quale specifica richiesta ha fatto Paul McCartney per comparire come guest star? Come mai Homer e Krusty il Clown si somigliano tanto? Qual è l’unico personaggio che dispone di cinque dita nell’universo di Springfield? Questo e molto altro ancora nella lista delle 20 cose che forse non sapete sui Simpson!

 

 

 

 

  1. La FOX detiene i diritti dei Simpson fino al 2082. Potrebbe tranquillamente diventare il cartone animato più longevo di sempre.
  2. Sia lo staff dei Simpson che quello di South Park odiano Family Guy (I Griffin), al punto che quando South Park mandò in onda il suo episodio anti-Family Guy, i simpaticoni di casa Simpson mandarono loro dei fiori.
  3. L’episodio in cui Bart vince un elefante a un quiz televisivo è basato su un evento realmente accaduto. Gli autori l’avevano pensato come premio-scherzo, da sostituire con del denaro, ma il vincitore optò davvero per l’elefante e dovettero spedirgliene uno dall’Africa.
  4. Paul McCartney acconsentì a comparire come guest star a patto che gli autori facessero restare Lisa una vegetariana per tutta la durata della serie. Il cantante è poi effettivamente apparso nei Simpson, quindi sapete già che non vedrete mai Lisa addentare una succulenta bistecca.
  5. Homer doveva originariamente essere rivelato come l’uomo dietro la maschera di Krusty il Clown. Per questo i due personaggi hanno una evidente somiglianza fisica.
  6. Tutti i personaggi dei Simpson hanno quattro dita alle mani, eccetto Dio/Gesù, l’unico ad averne cinque.
  7. Nel 1997 la Fox e la Pepsi organizzarono una competizione mettendo in palio una riproduzione su scala reale della casa dei Simpson, per un costo di 120.000 dollari. Il vicnitore preferì però ritirare il premio in denaro, di 70.000 dollari.
  8. In occasione dell’episodio ‘Who Shot Mr. Burns?’ (‘Chi ha sparato al signor Burns?’) i produttori lanciarono un concorso per far indovinare ai telespettatori il colpevole. Nessuno azzeccò la risposta esatta.
  9. Lisa ha celebrato il suo ottavo compleanno per due volte nel corso della serie.
  10. Se Bart fosse realmente cresciuto, ora avrebbe 35 anni.
  11. La voce della piccola Maggie, che succhia il suo famoso ciuccio, appartiene al creatore dei Simpson in persona, Matt Groening.
  12. Nella versione in onda nei Paesi Arabi, Homer beve soda al posto della birra e mangia salsicce di manzo egiziane al posto degli hot dog, in ottemperenza alle consuetudini religiose locali. Inoltre, Homer è stato ribattezzato come Omar Shamshoom.
  13. La tipica espressione di Homer, ‘d’oh’, è stata inserita nell’Oxford English Dictionary nel 2001.
  14. Molti dei cognomi dei personaggi provengono dai nomi delle strade di Portland, città natale di Groening.
  15. Il nome completo di Bart è Bartholomew Jojo Simpson.
  16. Danny Elfman compose la famosa sigla nel 1989, in soli due giorni.
  17. Il secondo nome di Milhouse Van Houten è ‘Mussolini’.
  18. Ci vuole un totale di 6 mesi per realizzare un episodio.
  19. I Simpson detengono il primato come serie televisiva col maggior numero di guest star arruolate, più di 600 allo stato attuale.
  20. La prima parola di Lisa è stata ‘Bart’, mentre quella di Maggie è stata ‘papà’. Volete sapere quali sono state invece le prime parole uscite dalla bocca di Bart Simpson? ‘Ay caramba’.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy