Coca Cola Light: meno perdita di peso e più rughe

Coca Cola Light: meno perdita di peso e più rughe

Se avete sempre pensato che la Coca Cola Light fosse un vostro alleato nella perdita di peso vi sbagliate. Sembra che la bevanda gassata dal così detto basso contenuto calorico possa essere il motivo per il quale l’ago della bilancia proprio non ne vuole sapere di muoversi verso sinistra. Ricerche…

Se avete sempre pensato che la Coca Cola Light fosse un vostro alleato nella perdita di peso vi sbagliate. Sembra che la bevanda gassata dal così detto basso contenuto calorico possa essere il motivo per il quale l’ago della bilancia proprio non ne vuole sapere di muoversi verso sinistra.

Ricerche scientifiche ed esperimenti hanno infatti dimostrato che i componenti della Coca Cola Light possono effettivamente essere la causa di aumento di peso e gonfiore ma non solo: il mix di coloranti, zuccheri e dolcificanti come l’aspartame e l’acesulfame potassico potrebbero rendere più veloce il processo di invecchiamento. Il fruttosio e i dolcificanti artificiali infatti disturbano il metabolismo dando un senso di sazietà che in realtà non esiste, ma è l’acido fosforico, quello che dà il senso di frizzantezza e il gusto particolare alla Coca Cola Light, che accelera il processo di invecchiamento, provocando la comparsa di rughe e pelle disidratata.

 

 

 

 

Secondo Sian Porter, portavoce della British Dietetic Association, anche se manca lo zucchero nella bevanda l’acidità dei dolcificanti naturali può rovinare i denti con il tempo. Ma non finisce qui: la Coca Cola, sia quella Light che le altre varietà, può causare diabete e ipertensione e niente meno che malattie cardiovascolari: uno studio ha dimostrato che chi consuma la bevanda dietetica ha il 43% di possibilità in più di subire ictus o attacchi cardiaci. Senza contare i disturbi alle ossa e allo scheletro: l’acido fosforico può provocare carenza di calcio e di conseguenza osteoporosi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy