Metà Italia festeggia, l’altra piange dopo Cardiff

Metà Italia festeggia, l’altra piange dopo Cardiff

La sconfitta della Juventus nella finale di Champions League ha spezzato i sogni di tanti tifosi di vedere il triplete e di tornare a vincere anche in Europa. Ma intanto c’è qualcuno che gioisce e festeggia…

Di Delia Paciello

TORINO – Mentre Napoli festeggia in piazza con fuochi d’artificio la sconfitta della Juventus a Cardiff, la festa continua anche sui social per tutti gli anti-juventini. Fra questi l’Inter, ma anche giocatori come Reina, Juan Jesus, Nainggolan e Pinamonti esultano per la vittoria del Real Madrid in Champions League. “La Champions non è per tutti”, esclamano.

 

Il pubblico si divide fra i tifosi della Juve e…

 

L’Italia in questi giorni si è divisa fra chi ha tifato la squadra della propria nazione, e chi invece preferiva sostenere la squadra spagnola campione in carica, il Real Madrid; ma soprattutto nel secondo gruppo, più che coloro che tifano per i madrileni ci sono tutti quegli italiani che avrebbero accusato la vittoria dei bianconeri: è forte la rivalità con il club che in Italia ha sbancato tutto vincendo scudetto e Coppa Italia.

Triplete-Juve-Squadra

In effetti la sconfitta pesantissima sul 4 a 1 ha spezzato il sogno della Vecchia Signora ,  che da tempo vorrebbe portare a casa il triplete.

Una vera e propria maledizione nelle finali per il club piemontese, che ha di fatto perso le ultime quattro finali giocate.

 

L’Inter si complimenta col Real

 

E così già durante la gara, a partire dal secondo gol di Cristiano Ronaldo che ha regalalto il 3 a 1 alla formazione spagnola, e ancor di più dopo il triplice fischio finale, sui social sono spuntati anche i complimenti al Real Madrid da parte degli storici nemici della Juventus: “I nostri complimenti al Real Madrid per la sua dodicesima Champions League, unico club a vincerla due volte consecutivamente”, ha scritto l’Inter su Twitter. Di lì subito pronte le ironie di tutti i tifosi nerazzurri che impazzano sul web, facendo notare che la loro è l’unica squadra italiana ad aver vinto il triplete nell’ormai lontano 2010.

 

Pepe Reina e il Napoli

 

Ma anche il portiere del Napoli, Pepe Reina, si complimenta con la squadra della sua nazione: “Complimenti Real Madrid per la vittoria della Champions League, bellissima serata per i miei compagni della nazionale. E non solo…”. Reina

Nelle sue parole si legge un pizzico di ironia anche per piacere al club azzurro, che ha ormai apertamente dichiarato guerra virtuale al Pipita, passato dal Napoli alla Juventus indicando le colpe della sua decisione nel presidente Aurelio De Laurentiis. E così tutta Napoli ha remato contro i bianconeri, non solo per quel senso di rivalità calcistica che da sempre accompagna le due squadre, ma ancor di più perchè l’uomo che aveva fatto sognare un intero popolo con i suoi 36 gol in maglia azzurra, Gonzalo Higuain, è andato via in cerca di vittorie: e dopo aver già vinto scudetto e Coppa Italia, raggiungere il triplete sarebbe stato un grande colpo per i partenopei, che avrebbero invece voluto dimostrare al Pipita che anche Napoli può vincere e che la scelta di partire è stata un errore.

 

 

Pinamonti e l’Inter

 

Il giovane attaccante interista Pinamonti invece ricorda i bei tempi andati della sua squadra: “Nessuno come noi. Scusate ma non è per tutti”, allegando al suo pensiero una foto su Instagram che ritrae Javier Zanetti intento a sollevare al cielo la Champions League 2010.

 

Juan Jesus, Nainggolan e la Roma

 

Oltre a Inter e Napoli non potevano mancare anche i rappresentanti della terza grande rivale della Juventus, ovvero la Roma: “E anche quest’anno tripletta anno prossimo“, le parole di Juan Jesus, che ha ripreso lo storico sfottò dei tifosi bianconeri (‘e anche quest’anno lo Scudetto il prossimo anno’) a quelli avversari.

nainggolan

Anche Radja Nainggolan ha partecipato a modo suo al post-partita di Cardiff. Parole belle pungenti le sue, che dal ritiro della nazionale belga, ha colto l’occasione per l’ennesima provocazione sulla Juventus attraverso Instagram: “Che bella serata. C’è chi sta in ritiro, chi in vacanza e chi in gita a Cardiff. Ho fatto questa diretta per rispondere a qualcuno che mi aveva insultato e aveva parlato prima, cosa che non si fa. Ho fatto questo video per gli juventini, ma mi sa che la connessione gli costa troppo. Hanno speso tutto per la partita. Tre giorni fa facevate gli splendidi, oggi che mi dite?”.

 

Italia spezzata in due…

 

Insomma l’Italia è spezzata in due dopo Cardiff: una metà gioisce e mette in piazza sfottò, l’altra metà, delusa, piange.

Nonostante la sconfitta in Champions League, però, la Juve può consolarsi guardandosi le spalle. I risultati raggiunti non sono affatto da buttare: l’ennesimo Scudetto e l’ennesima Coppa Italia porta ai bianconeri dei record assoluti in Italia, pronti a prendersi la rivincita europea nella prossima stagione per portare in alto in nome di quell’Italia oggi calcisticamente schiacciata dal predominio spagnolo.

Ma a Torino intanto tragici episodi in piazza…CONTINUA A LEGGERE

3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy